MAMMIFERI

Home » Riserva Monterano » Fauna » MAMMIFERI

Tra i carnivori vi sono alcune delle specie di maggior valore, entrambe classificate vulnerabili nella Lista Rossa, come il lupo (Canis lupus) segnalato solo sporadicamente e il gatto selvatico (Felis silvestris) frequentatore abituale dei boschi della Valle del Mignone.
Sono presenti, inoltre, mustelidi come il tasso (Meles meles), la puzzola (Mustela putorius) e la martora (Martes martes), tipica specie forestale.
Non c’è più la lontra (Lutra lutra), segnalata fino agli anni settanta nel fiume Mignone mentre è invece presente, la nutria (Myocastor coypus), una specie introdotta dal Sud America. La lepre, legata ai pascoli cespugliati, agli incolti e alle radure è presente anche con la specie tipica dell’Italia Centrale (Lepus corsicanus); unico ungulato selvatico presente, il cinghiale (Sus scrofa), è una delle specie con le maggiori implicazioni gestionali.
In passato ridotto a piccole popolazioni, a partire dagli anni cinquanta ha avuto un graduale incremento per condizioni ambientali favorevoli e per ripetute immissioni a scopo venatorio con capi di provenienza centro-europea che si sono incrociati con i residui nuclei autoctoni, determinando un aumento nelle dimensioni e nel tasso di riproduzione rispetto alla razza maremmana, peraltro attualmente non più riconoscibile.
L’istrice (Hystrix cristata) è abbastanza diffuso e sembra ripresosi dalle feroci persecuzioni del passato che comunque non sono del tutto cessate.
Tra i micromammiferi sono state censite (analizzando le borre di rapaci notturni) undici specie tra cui il moscardino (Muscardinus avellanarius), la crocidura dal ventre bianco (Crocidura leucodom), il toporagno appenninico (Sorex samniticus) oltre ad arvicole (Microtus savii) e topi selvatici (come l’Apodemus flavicollis), l’arvicola rossastra (Clethrionomys glareolus), il topo selvatico (Apodemus sylvaticus), il toporagno appenninico (Sorex samniticus).
Da poco si è fatto vivo lo scoiattolo (Sciurus vulgaris), segno di buona salute degli ecosistemi forestali.

Ultimo aggiornamento: 18.07.2007 (22:04)   Stampa Stampa