RETTILI

Home » Riserva Monterano » Fauna » RETTILI

Questa classe è rappresentata da numerose specie, soprattutto per quanto riguarda i serpenti con ben otto specie sulle dieci note per il Lazio. Tra i più comuni il biacco (Coluber viridiflavus), diffuso in tutti gli ambienti, insieme alla vipera (Vipera aspis); più raro il grande cervone (Elaphe quatuorlineata) arboricolo così come il colubro di Esculapio (Elaphe longissima). Non mancano le coronelle (Coronella austriaca e Coronella girondica); la coronella girondica e il cervone sono inseriti nel Libro Rosso degli animali d’Italia nella categoria a basso rischio.

Le natrici sono presenti sia con la natrice tassellata (Narix tessellata) che con la natrice dal collare (Natrix natrix), più comune.
Tra le testuggini la testuggine comune (Testudo hermanni) e la testuggine di palude (Emys orbicularis) entrambe rare e minacciate.
Nei vecchi caseggiati e tra le mura di Monterano non mancano i gechi, quali la Tarantola muraiola (Tarentola mauritanica) e il Geco verrucoso (Hemidactylus turcicus).
Oltre alle più diffuse lucertole (Podarcis muralis e Podarcis sicula) è presente il ramarro (Lacerta viridis), ma non mancano la luscengola (Chalcides chalcides) e l’orbettino (Anguis fragilis).

Ultimo aggiornamento: 18.07.2007 (22:13)   Stampa Stampa